Galli: «Giusto il Green pass per i calciatori. Stadi? Governo prudente»

"Giusto il Green pass obbligatorio per i calciatori professionisti, condivido la scelta della FIGC. Servirebbe a tutti coloro che fanno sport di contatto, anzi sarebbe stata da attuare anche già prima. I problemi che ha creato non vaccinare tutte queste persone sono ben superiori. È un discorso di idoneità a determinate mansioni, non utilizziamo un concetto di obbligatorietà che creerebbe lungaggini enormi".

Lo ha detto a Radio Punto Nuovo Massimo Galli - direttore malattie infettive all'Ospedale Sacco di Milano. "Questione stadi aperti? Si sta prendendo tempo per capire come va la campagna vaccinale. Magari sono vaccinati quelli delle tribune e non delle curve ad esempio, allora si sta prendendo tempo per capire quanta gente vaccinata può entrare allo stadio con il green pass", ha aggiunto Galli.

"Problemi e storture ancora ne esistono, ma non sul concetto di fondo né sul suo utilizzo. Il criterio suggerito dal Governo è prudenziale. Quello che è importante è l'elasticità nel comprendere che ci possono essere momenti nel quale poter dare la possibilità di allargare i cordoni", ha concluso Galli.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare...